Guida SEO per eCommerce

Mar 28, 2021 | Guida SEO

La SEO per e-commerce di solito comporta l’ottimizzazione dei titoli, meta description, delle descrizioni dei prodotti, della struttura del sito, dei collegamenti interni e l’esperienza dell’utente. Chiedi a qualsiasi consulente SEO, un buon posizionamento e necessario per avere successo online.

Ogni prodotto che vendi dovrebbe avere una pagina dedicata progettata per attirare traffico dai motori di ricerca.

La scelta della piattaforma del tuo eCommerce

Trovare la migliore piattaforma di e-commerce per le tue esigenze aziendali è essenziale per il tuo futuro successo online. Una delle decisioni più importanti che devi prendere è scegliere un CMS e-commerce che garantisca stabilità e sicurezza del sito.

Cos’è una piattaforma di e-commerce? Una piattaforma di e-commerce è un’applicazione software che consente alle aziende online di gestire il proprio sito Web, SEO, la gestione dei clienti, la gestione degli ordini, le vendite e le operazioni, etc.

Costruire un shop online da zero è fuori discussione per la maggior parte delle aziende e giustificabile solo per aziende multimilionarie. Di solito si sceglie di utilizzare un sistema già esistente: Open-Source, SaaS (software-as-a-service), plugin WordPress, etc.

La scelta dell’uno o dell’altro dipende molto dal budget, dal numero di prodotti, ecc. BigCommerce, Shopify e WooCommerce. sono le piattaforme più comuni per le piccole imprese. A seconda delle vostre esigenze, ogni piattaforma ha i suoi vantaggi e svantaggi. Ma questo è un altro argomento. Oggi siamo interessati all’argomento SEO per eCommerce.

Struttura del eCommerce

Ricorda che l’architettura del sito gioca un ruolo importante nell’ottimizzazione dei motori di ricerca. È necessario disporre di una gerarchia semplice e logica, dalla home page alle categorie di prodotti e dalle categorie ai prodotti elencati in esse. Per capire meglio, dai un’occhiata ad Amazon. Navigazione semplice, logica.

Architettura del sito web

SEO per le pagine categorie del eCommerce

Non limitarti a nominare le categorie. Usa il testo, spiega ai visitatori cosa puoi trovare in quella categoria, come i tuoi prodotti differiscono da quelli della concorrenza. Ottimizza dal punto di vista SEO anche questa parte del tuo sito.

Avere pagine di categorie e sottocategorie ottimizzate dal punto di vista SEO che corrispondono al intento delle ricerche degli utenti, ti aiuta a posizionarti meglio nei risultati e aiuta i motori di ricerca a eseguire la scansione e a comprendere meglio la struttura del tuo sito.

Prima di iniziare il processo di creare pagine categorie e sottocategorie, poniti queste domande:

  1. Qual è il mio obiettivo principale? Cosa sto cercando di ottenere? Se il tuo intento è quello di essere posizionato per nuove parole chiave e / o migliorare la struttura gerarchica del tuo sito per consentire agli utenti di trovare i prodotti più facilmente, quindi ben fatto. Costruisci le pagine.
  2. Ho quei prodotti? Se non hai i prodotti e inizi a costruire pagine solo averne “tante pagine” rinuncia.
  3. Quali fattori aiutano le pagine delle categorie a posizionarsi per parole chiave specifiche? Buona domanda. Penso gli stessi fattori che aiutano a posizionare qualsiasi pagina.

Le schede prodotto ottimizzate SEO

Per battere la concorrenza, devi assicurarti che le pagine dei tuoi prodotti siano ottimizzate SEO per la massima visibilità sui motori di ricerca.

le pagine dei tuoi prodotti siano ottimizzate SEO

I meta tag titolo e le meta descrizioni sono molto importanti nell’ottimizzazione SEO per ecommerce delle pagine prodotto. Inoltre, disporre di contenuti di alta qualità che soddisfino le esigenze degli utenti è fondamentale per un posizionamento elevato nelle SERP di Google. Generalmente devi avere in mente questi aspetti:

Come fare SEO (on page) per eCommerce

  • Ricerca delle keywords – selezionare le keywords che i tuoi clienti stanno cercando per trovare il tuo prodotto o servizio e fornire traffico mirato verso il tuo siti Web, e la chiave per un buon posizionamento nelle SERP di Google.
  • Contenuti originali – Come sappiamo, Google promuove il testo originale. Crea i tuoi contenuti utilizzando il tuo testo, senza copiare il contenuto di altri siti. Puoi leggere questa guida al copywriting SEO.
  • URL – E’ quell’elemento che ci consente di trovare un sito web, una pagina o un file collegati all’indirizzo che andiamo a digitare nel browser. Utilizza URL statici, semplici e leggibili.
  • Meta Title – Il tag titolo è il testo cliccabile blu che viene visualizzato all’interno dei risultati della ricerca. Si raccomanda spesso che le parole chiave di destinazione siano presenti all’interno dei tag del titolo per scopi SEO.
  • Meta descrizione – Google ha annunciato nel settembre del 2009 che né le meta descrizioni né le meta keywords influiscono sugli algoritmi di ranking di Google. Le meta descrizioni possono tuttavia influire sul CTR di un risultato sul SERP di Google, il che può influire positivamente sulla capacità di una pagina di classificarsi meglio. Per questo motivo, tra gli altri elementi SEO di una pagina, è importante impegnarsi scrivere meta descrizioni che attirano l’attenzione di un utente.
  • Immagini e tag ALT – Il tag alt images (testo alternativo, attributo alt, testo alternativo) è un insieme di parole che viene aggiunto nel codice HTML per dare un significato a una grafica o una foto.
  • Breadcrumb – la navigazione testuale non solo aiuta le persone a comprendere la loro posizione corrente sul sito, ma anche i Google Bot a determinare meglio la struttura gerarchica di un sito web.
  • User eXperience – UX (in italiano “esperienza di utente”) è un termine utilizzato per definire la relazione tra una persona e un prodotto, un servizio, un sistema.
  • Certificato SSL – I certificati SSL (Secure Sockets Layer) sono certificati digitali che autenticano l’identità di un sito Web e crittografare le informazioni inviate al server utilizzando la tecnologia SSL. A partire da luglio 2018 con il rilascio di Chrome 68, i siti non HTTPS ora sono etichettati come “Non protetti”. Tecnicamente, questo non significa che ci sia qualcosa di sbagliato nel tuo sito, ma i visitatori potrebbero essere confusi dall’etichetta.

Perché la velocità del tuo e-commerce è importante per la SEO

Le statistiche fanno riflettere e sottolineano l’importanza della velocità del sito Web quando si parla delle vendite online (e non solo). Quando si tratta di velocità di un sito Web e-commerce, il tempo è davvero denaro.

I siti Web lenti perdono ordini a favore di siti Web più veloci. Le scarse prestazioni del sito si riflettono in modo negativo sulla tua azienda e sul tuo brand. I clienti insoddisfatti cercano gli stessi prodotti o servizi da qualche altra parte.

Inoltre, con Google che conferma che la velocità del sito è un fattore di ranking critico, un sito web lento può influenzare in modo negativo il posizionamento, perdendo così potenziali clienti e vendite. Più in basso sei nelle ricerche, meno visite hai sul tuo sito Web. Semplice.

SEO (off-page) per eCommerce

  • Link Building – Senza dubbio, il link building è un’attività essenziale per avere successo nel mondo online. È un’attività SEO da considerare. Avere collegamenti al tuo sito web da risorse autorevoli su Internet aiuta a migliorare il tuo posizionamento nei motori di ricerca.
  • Google my Business – GMB è uno strumento gratuito e facile da usare che permette ad attività e organizzazioni di gestire la propria presenza online su Google, compresi Ricerca e Maps. Verificando e modificando le informazioni sulla tua attività, puoi aiutare i clienti a trovarti e raccontare loro la storia della tua attività.
  • Recensioni – Per qualsiasi azienda che esiste nello spazio digitale, le recensioni online sono di fondamentale importanza quando si tratta di mantenere una reputazione positiva.

backlinks sito web

I problemi più comuni di un eCommerce dal punto di vista SEO

  • Architettura inefficace del sito
  • Contenuti duplicati (meta titolo, descrizioni, etc)
  • Varianti del prodotto per colore, taglia che crea contenuto duplicato
  • Manca la descrizione del prodotto
  • I clienti vogliono vedere le recensioni del prodotto
  • Pagine 404
  • Indicizzazione delle pagine di ricerca interne
  • Pagine molto lente
  • Il file robots.txt e sitemap.xml
  • Schema markup

Studia bene la SERP e fai un’analisi dei competitor

Sapere come analizzare la tua concorrenza online è un passo importante per determinare la tua strategia SEO.

Identificando i punti di forza e di debolezza della concorrenza, otterrai una visione significativa di ciò che funziona nel tuo settore. A sua volta, questo guiderà la tua strategia SEO per il tuo e-commerce nella giusta direzione.

L’analisi competitiva può essere utilizzata come una guida per ciò che è necessario fare per migliorare. Sapere chi stai combattendo per la visibilità nelle SERP è il primo passo.

Le opportunità di un buon SEO per ecommerce

La SEO può aiutarti a migliorare il tuo posizionamento nei risultati dei motori di ricerca. Questo fatto ha un enorme impatto sugli obiettivi più importanti della tua azienda: aumentare i lead e le vendite.

Quando ti tuoi sforzi SEO si concentrano sui utenti che sono alla ricerca attiva di informazioni relative al tuo settore, ai tuoi prodotti e servizi, sarai molto più efficace nel raggiungere il tuo pubblico di destinazione.

Ciò significa che una volta creata una pagina alla quale il motore di ricerca ritiene degno di indirizzare i propri utenti, può continuare ad attirare traffico sul tuo sito tanto tempo dopo la pubblicazione.

Chi sono

Chi Sono

Mi chiamo Luciano e lavoro come consulente SEO a Milano

Aiuto le aziende ad aumentare i lead da Google attraverso la SEO.

La Search Engine Optimization è l’attività che qualsiasi imprenditore d’Italia deve considerare per avere il successo online desiderato.

Leggi anche: