Pubblicità online: come fare promozione sul web

Mag 24, 2021 | Marketing

La pubblicità online, conosciuta anche con la dicitura inglese Online Advertising, è un modo di promuovere prodotti o servizi che si distingue dal sistema classico a seconda del mezzo di diffusione utilizzato. Infatti, se un tempo i canali tradizionali per fare pubblicità erano la TV, la radio, i quotidiani, ecc., nell’era di internet, l’advertising avviene sulla rete web.

Anche la forma di fare pubblicità cambia perché i servizi vengono messi in evidenza tramite i link, i banner (gli annunci di varie dimensioni, formati e contenuti che solitamente compaiono in alto o lungo i lati nella pagina web) e altri formati pubblicitari.

Nonostante i banner stiano vivendo un calo di efficacia, gli strumenti a disposizione dell’online advertising sono tanti e finalizzati a soddisfare ogni tipo di esigenza che le aziende possono avere.

Gli annunci sui social network sono sempre più frequenti (Linkedln Ads, Facebook Ads, Twitter Ads, ecc.), così come lo sono quelli all’interno dei motori di ricerca (Google AdWords). Il concetto di pubblicità online ingloba diverse sottocategorie di marketing online come il Search Engline Marketing, il social media marketing, il display advertising, l’email marketing, ecc.

Quali sono i vantaggi di fare promozione sul web?

Ci sono tre punti che, rispetto alla pubblicità tradizionale, contraddistinguono quella in rete. Il primo vantaggio di fare online advertising è che consente di individuare un target preciso e realizzare comunicazioni mirate, ad hoc. In alcuni casi, è addirittura possibile realizzare comunicazioni personalizzate, ideate apposta per il singolo utente, una sorta di customised advertising.

Altro vantaggio della pubblicità online è una possibile miglior riuscita in caso di campagne PPC (pay per click): attraverso questa tecnica, l’utente può pagare la cifra prestabilita sono nel momento in cui clicca sull’annuncio. Questo aspetto è molto interessante se si considera che non c’è necessità di investire una somma fissa come nell’offline.

Infine, l’advertising in rete può essere sempre monitorato. Si tratta di una bella carta da giocare perché consente di capire se conviene interrompere la campagna pubblicitaria o investire più soldi e quindi migliorarla. In aggiunta, la pubblicità online è facilmente misurabile in base alla variabile ROI (Return Of Investment).

Quali forme assume la pubblicità online

Social Media: il social media advertising è una forma di pubblicità online molto efficace. Infatti, ci sono grosse probabilità che i futuri clienti di un’azienda siano tutti sui social, piattaforme i cui utenti aumentano di giorno in giorno.

In questo modo, i social media rappresentano un potente mezzo di divulgazione. A livello globale, si contano quasi 4 miliardi di utenti registrati sui social e una media di tempo trascorso sugli stessi di quasi 2 ore e mezza.

Inoltre, questo mezzo è molto conveniente per le aziende perché i costi sono ancora contenuti rispetto ad altri canali pubblicitari, l’advertising sui social è efficace anche in chiave SEO, i costi per la pubblicità possono essere calcolati con precisione (a differenza di volantini e cartelloni) e creare dei messaggi rivolti ad un target specifico è una piacevole realtà.

È chiaro che, con la crescita delle persone che navigano sui social media, aumenta la concorrenza e di conseguenza i prezzi. Nonostante questo, i social media restano un mezzo estremamente efficiente per la vendita in rete.

Content Marketing: questo è un tipo di pubblicità in rete che basa la strategia sul potenziale target di clienti. Infatti, l’obiettivo del content marketing è quello di creare contenuti di valore per coinvolgere ed interessare possibili clienti. I contenuti sono di varie tipologie: sondaggi, e – book, comunicati stampa, articoli di blog, infografiche, ricerche di settore, ecc.

Il content marketing punta a convertire un utente a cliente attraverso un’azione come la vendita di un prodotto o la semplice iscrizione alla newsletter. In altre parole, l’azienda che si serve di questa forma di pubblicità online tenta di generare autorità e fiducia intorno al suo marchio.

Questo è possibile costruendo una relazione con gli utenti, diventando il punto di riferimento per tutte quelle persone interessate a quel settore specifico.

Email Marketing: l’email marketing o l’invio di email a scopo pubblicitario è uno degli strumenti più utilizzati dalle aziende quando intendono creare un contatto diretto con i potenziali clienti.

Nonostante il grande successo dei social media, l’email marketing è molto utilizzato in quanto redditizio e consente di inviare offerte su misura. Altro aspetto vantaggioso di questa forma di pubblicità online è il ROI derivante dall’email marketing, quello con maggior profitto per molte aziende.

Questo tipo di marketing è ideale sia per le grandi aziende sia per quelle più piccole che hanno un budget limitato. Una buona campagna di email marketing prevede diversi aspetti e variabili fondamentali. Per iniziare, è opportuno selezionare il target, obiettivo delle email pubblicitarie.

Dopodiché, bisogna costruire un’offerta ad hoc, ideata appositamente per un determinato tipo di cliente. A questa bisognerebbe affiancare una landing page dedicata, possibilmente ottimizzando i contenuti grafici. Il terzo elemento è la selezione del database da utilizzare per diffondere la campagna promozionale.

Search Engine Marketing ((SEO) search engine optimization e (SEA) search engine advertising): questa forma di marketing online si compone di due discipline fondamentali, la SEO e la SEA.

Nel primo caso si intende l’insieme di attività di ottimizzazione non a pagamento, con il fine di ottenere traffico qualificato verso il proprio sito. Con la search engine optimization, gli utenti non sosterranno alcuna spesa in seguito ai click.

Per quanto riguarda il search engine advertising, si tratta delle attività di promozione a pagamento di una pagina web, realizzabili attraverso i vari motori di ricerca. In questo caso, l’inserzionista paga per un tipo di traffico molto qualificato dato che gli annunci sono visibili solo a quegli utenti che effettuano delle ricerche direttamente correlate con i prodotti o servizi offerti dall’azienda.

Ci sono alcune differenze tra SEO e SEA: la prima è il fattore Cost per Clic (CPC). Come accennato, le attività svolte tramite SEA prevedono un prezzo in base ai click. Per quanto riguarda il SEO, non ci sono spese per gli utenti però le attività non sono gratuite.

Altra differenza tra le due discipline è l’operatività: con il SEA si utilizzano software di proprietà dei vari motori di ricerca che gestiscono grandi quantità di denaro. Dal punto di vista SEO, i sistemi utilizzati sono di gestioni di contenuti come WordPress. La SEA ed il SEO si distinguono anche dal punto di vista del settaggio temporale degli obiettivi.

Mobile Advertising: questo tipo di pubblicità virtuale ruota intorno allo smartphone, un dispositivo divenuto ormai fondamentale nella vita delle persone. Solo in Italia, il numero di utenti che si collegano da mobile sono aumentati rispetto a quelli che si collegano da desktop.

Analizzando questo dato, è evidente come lo smartphone sia un mezzo fondamentale nella strategia di marketing. Le aziende possono fare mobile advertising attraverso due modalità: multipiattaforma o mobile only.

La prima modalità è quella più semplice ed intuitiva, e consiste in un unico messaggio pubblicitario trasmesso su più piattaforme (smartphone, PC, tablet, ecc.). Con la multipiattaforma, l’azienda è presente su tutti i canali digitali e tramite l’attività degli utenti, si potrà definire quale avrà ricevuto più visualizzazioni.

Considerando che i dispositivi mobili stanno diventando così importanti, la visualizzazione della pubblicità su questi mezzi sta aumentando in maniera esponenziale. Per quanto riguarda la modalità mobile only, la pubblicità online viene realizzata “su misura” per le caratteristiche dello smartphone.

Banner: come accennato sopra, la pubblicità online attraverso i banner è molto diffusa. Si tratta del mezzo ideale per le piccole imprese che desiderano aumentare la propria visibilità sul web.

Un grosso vantaggio dei banner pubblicitari è la capacità di chiamare l’attenzione dell’utente in maniera abbastanza semplice. Dopo questo primo approccio, il banner dovrebbe chiamare gli utenti che lo visualizzano all’azione, ovvero cliccarci sopra.

Questo click reindirizza verso il sito web dell’inserzionista, quindi la pagina predisposta per la campagna promozionale. Questa forma di pubblicità online è molto efficace perché il potenziale cliente è generalmente attratto da un contenuto visuale piuttosto che da uno composto da semplice testo. In altre parole, l’inserzionista si serve dei banner per spingere gli utenti a cliccarci sopra in modo da veicolare il traffico sulla sua landing page.

Una volta sulla landing page, si concretizzerà la conversione desiderata che può essere la vendita, il download di materiale come un e – book, oppure l’iscrizione ad un webinar.

Video: da diversi anni a questa parte, la pubblicità online sfrutta la potenzialità di un mezzo fantastico come il video. A differenza del banner, il video è un mix di immagini e suoni, un canale che consente di acquisire una riconoscibilità che non ha eguali.

La piattaforma che ha rivoluzionato il modo di fare pubblicità con i video è YouTube, ma anche social network come Facebook fanno un uso massiccio di questo canale di diffusione. Il grande vantaggio di questo strumento è la capacità di coinvolgere gli utenti, una strategia che favorisce l’interazione col pubblico.

Un buon video a scopo pubblicitario gestito da un marketer abile può trarre grossi vantaggi. Per avere un’idea della potenzialità di un video come elemento centrale nella strategia di web marketing, è sufficiente pensare a quanto sia semplice riutilizzarlo in più forme.

Nonostante la realizzazione di un video sia decisamente più complessa rispetto alla stesura di un articolo, il video può essere rimodellato quindi spezzettato in mini – video, oppure condiviso su più pagine social così da aver accesso ad un bacino più ampio di utenti. Inoltre, un video può essere sponsorizzato e quando si tratta di materiale lungo, può essere accorciato selezionando una scena chiave così da renderlo più appetibile al pubblico (difficilmente una persona è disposta a sorbirsi mezz’ora di video).

Remarketing: questa è sicuramente la forma più efficace di fare pubblicità online in termini di conversioni. Perché questo mezzo è così efficiente? È presto detto. Si tratta di un modo di fare advertising online che si basa sul comportamento degli utenti.

In altre parole, il remarketing si serve della cronologia di navigazione dei cibernauti per mostrare contenuti sponsorizzati. Quante volte è capitato di vedere un banner che sponsorizza un sito web previamente visitato? Coincidenza? Magia? No, è solo remarketing.

Questa forma di fare pubblicità ha un grande potenziale per due motivi. Il primo è il ricordo continuo dell’azienda o del brand (sempre e quando la visualizzazione non diventi troppo frequente e, di conseguenza, fastidiosa) ed il secondo è l’aumento del tasso di conversione.

Come accennato in precedenza, il processo di monitorare i movimenti dell’utente sul web facilita la conversione che da semplice visualizzazione diventa acquisto a tutti gli effetti. Alcune delle piattaforme che utilizzano più spesso il remarketing per fare pubblicità online sono Facebook e Google Ads.

Quanto costa la promozione sul web

Capire quale sia il costo preciso della pubblicità online non è semplice perché questo dipende da tante variabili. Infatti, sul budget destinato alla online advertising influiscono un paio di fattori come il settaggio e la definizione del pubblico e, da non trascurare, la creatività.

Con questa si fa riferimento ad elementi quali le immagini o video ed il testo dell’annuncio. Questi aspetti determinano la buona riuscita o il fallimento della campagna pubblicitaria.

Qual è il miglior canale per la pubblicità online di un’azienda?

Il miglior canale per la pubblicità online di un’azienda è sicuramente Google, utilizzato da ben il 90% degli utenti per ricercare prodotti sul web. Ed è anche il canale che permette di avere più conversioni in assoluto.

Altri siti molto utilizzati dai compratori virtuali e quindi sfruttati per fare online advertising da parte delle aziende sono Amazon e AdWords. In generale, il canale fondamentale per vendere sul web è un e – commerce che presenta i prodotti in modo chiaro, dotato di un sistema di acquisto intuitivo e che consenta di pagare in vari modi.

Come misurare il successo di una campagna di pubblicità online

Per misurare il successo di una campagna di pubblicità online bisogna tenere conto di alcuni aspetti. Il primo è il brand awareness, quindi il numero di visite sul sito e l’incremento di menzioni del brand.

Si misura poi la promozione di un evento, ovvero quanti partecipanti qualificati vengono trovati. Infine, si misura la lead generation, utenti gestiti dai venditori.

Il mondo della pubblicità online ha un alto potenziale ed allo stesso tempo è molto variegato.

Capire quale sia la strategia migliore implica tanto studio e dedizione, oltre tanti tentativi trial and error per arrivare a capire quale sia il canale più adeguato per il raggiungimento dei propri obiettivi.

Chi sono

Chi Sono

Mi chiamo Luciano e lavoro come consulente SEO a Milano. Sono appassionato d’Internet e motori di ricerca da più di 20 anni.

La Search Engine Optimization è l’attività che qualsiasi imprenditore d’Italia deve considerare per avere il successo online desiderato.

Leggi anche: