Come fare SEO nel 2022

Nov 18, 2021 | Guida SEO

Fare SEO quest’anno non è lo stesso di qualche anno fa, è cambiato quasi tutto. In ogni caso, alcuni principi SEO sono ancora attuali e applicabili.

La search engine optimization è un aspetto importante per qualsiasi azienda, è un’attività necessaria per avere contenuti trovati nei risultati di ricerca organici (specialmente di Google).

1. Che cosa NON e la SEO

Ma cominciamo con inizio, vediamo che cosa NON e la SEO. Se leggi questa pagina, presumo già che sai che cos’è la SEO: è l’acronimo di Search Engine Optimization – un insieme di strategie on-site e off-site, volte ad aumentare la visibilità di una pagina Web nelle SERP dei motori di ricerca, nei risultati non a pagamento.

Eccoci al punto in cui vediamo cosa non è SEO:

A) La search engine optimization NON si occupa di posizionamento dei siti Web nei risultati a pagamento (pay per click) di Google.

I risultati di ricerca di Google sono divisi in due categorie principali: risultati di ricerca a pagamento e risultati di ricerca organici. L’obiettivo della SEO è quello di classificare il tuo sito web nei risultati di ricerca organici.

B) La SEO non è un sostituto di un sito Web scarso – Se hai un sito web creato dal “cugino” di turno (a parte nel caso in cui il “cugino” non sia un web designer) e non sei disposto a fare nessuna modifica, non iniziare a fare SEO, non avrai alcun risultato .

Se il tuo web designer non ha almeno una conoscenza di base su come funziona il posizionamento su Google (come dovrebbe essere strutturato un sito web, come Google scansiona un sito, la velocità di caricamento, etc.), cercane uno migliore per creare il tuo sito web e la decisione più intelligente.

C) La SEO è una strategia aziendale a lungo termine che genererà traffico significativo e può far crescere i tuoi profitti… ma non avviene dall’oggi al domani.

D) Non è gratuito, anche se Google non ti chiede soldi per elencare il tuo sito nei risultati di ricerca organici. Una corretta strategia SEO richiede tempo e denaro. Puoi passare molto tempo a farlo da solo o a pagare qualcuno per farlo, ma sicuramente non è gratuito.

2. Cosa e come le persone cercano su Google: Intento di ricerca

L’AI di Google diventa più intuitiva. Continuare a fare la classica ricerca per parole chiave non basta per avere successo. Il primo passo della SEO di oggi è identificare l’intento di ricerca dell’utente.

Devi capire qual è la loro intenzione o obiettivo quando loro digitano una query del motore di ricerca. Se riesci a comprendere l’intento della loro ricerca, puoi creare contenuti sul tuo sito che soddisfino il loro scopo.

Ad esempio, se un utente cerca “Come smontare un PC” e gli vengono restituite una serie di pagine di prodotti, anziché un tutorial, passerà senza effettuare nessun clic. Questo è un segnale per Google che i risultati non riflettono l’intento dell’utente.

3. Che cosa significa avere successo con un sito Web?

In parole semplice significa avere visite da Google, visite che si trasformano in clienti paganti. Devi capire che avere un sito Web con milioni di visite ma senza nessuna vendita (prodotto, servizio) non vale niente per il tuo business.

Prima di poter vendere qualcosa in modo efficace tramite il tuo sito Web, devi capire:

  1. CHI è il tuo cliente ideale
  2. DOVE puoi trovarlo online
  3. QUALI sono le loro sfide/problemi, che tu puoi risolvere

I tipi più comuni di intento di ricerca sono informativo, commerciale, di navigazione e transazionale.

Search Intent Informativo – costituiscono la stragrande maggioranza di tutte le ricerche su Internet e sono composti da parole chiave generiche. L’utente cerca informazioni su un argomento di suo interesse. Sono ricerche del tipo come, cosa, chi, dove, perché, guida, idee, risorse, tutorial, ecc. Esempio: “come fare una minestra”

Search Intent di Navigazione – l’utente cerca informazioni relative all’acquisto di un prodotto o servizio specifico che conosce già. Sono molto importanti perché non solo aumentano il traffico verso il sito web ma intercettano utenti davvero interessati al vostro prodotto/servizio. Sono di solito ricerche che contengono il nome del brand, nome del servizio, etc. Esempio: “Negozio Apple Milano”

Search Intent Commerciale – in questo caso l’utente cerca di ottenere informazioni su qualcosa che desidera acquistare. Sono di solito ricerche del tipo il migliore xxx, recensioni xxx, top xxx, comparazioni, etc. Esempio: “Iphone 13 vs Iphone 12″

Search Intent Transazionale – In questa situazione l’utente è pronto per effettuare un acquisto. Sono di solito ricerche del tipo prezzo x, costo y, preventivo z. Esempio: “Prezzo Iphone 13 28 MB”

Dopo che hai capito che cosa cercano il tuo pubblico target puoi passare alla creazione dei contenuti sul tuo sito Web.

Perché è importante l’intento di ricerca? Soddisfare questo intento è l’obiettivo n.1 di Google! Lo scopo principale del motore di ricerca Google è fornire risultati pertinenti per ogni ricerca di ogni utente.

La Ricerca Google si è evoluta ed è migliorata, ma l’approccio e sempre user oriented, aiutando tutti utenti a trovare le informazioni che cercano nel modo più utile possibile. Comprendere l’intento della ricerca, saremo in grado di creare contenuti più personalizzati e migliorare il posizionamento del sito nelle SERP.

4. Voice Search

La ricerca vocale è importante dal punto di vista SEO? Dobbiamo ottimizzare i nostri contenuti per la ricerca vocale? “La ricerca vocale non è il futuro”, hanno detto i rappresentanti di Google.

“Simply because it changes the input modality, and it changes probably how queries are phrased, but it doesn’t change the fundamental use of natural language to retrieve information from the Internet.”

(Semplicemente perché cambia la modalità di input e cambia probabilmente il modo in cui vengono formulate le query, ma non cambia l’uso fondamentale del linguaggio naturale per recuperare informazioni da Internet.)

5. La SEO locale avrà un impatto maggiore nei risultati di ricerca?

I risultati personalizzati che un utente vede su un motore di ricerca non si basano solo sui tradizionali fattori di ranking, ma anche sulle informazioni che il motore ha sull’utente, come la sua posizione, la cronologia delle ricerche, i dati demografici o gli interessi.

Quando un utente cerca un’attività o un luogo vicino alla sua posizione, gli vengono mostrati risultati di ricerca locale su Google. Ad esempio, se cerchi “pizzeria vicino a me” sul tuo dispositivo mobile, vedrai probabilmente i risultati di ricerca locale.

Uno dei motivi per cui i risultati di ricerca per la stessa parola chiave possono essere diversi è la posizione geografica dell’utente.

6. Tecniche SEO che non funzionano più nel 2022

Keyword Stuffing – è una pratica scorretta agli occhi di Google, che può penalizzare il sito web. Questa tecnica dovrebbe essere sostituita dalla maggior parte dei proprietari di blog con il linguaggio naturale, senza “forzare” il testo con ripetizioni inutile delle parole chiave. Smetti di riempire la pagina con parole chiave per le quali vuoi avere una buona posizione, non funziona più da molto tempo!!!

I commenti, nella speranza di fare un backlink – I backlink sono importanti, molto importanti, ma prima di iniziare a commentare diversi articoli, leggete questa guida di Google. Cosa dovresti fare invece per guadagnare backlink? Creare risorse e contenuti utili.

PBN: Private Blog Networks – sono piuttosto costosi da mantenere e la maggior parte delle aziende hanno difficoltà a implementare questa strategia, correndo il rischio di sanzioni da parte di Google e perdita di investimenti.

7. MUM: Multitask Unified Model

MUM è l’evoluzione del precedente algoritmo (BERT) ed è l’acronimo di Multitask Unified Model. MUM è multimodale, quindi comprende le informazioni attraverso testo e immagini e, in futuro, può estendersi a più modalità come video e audio.

I motori di ricerca come Google, che vogliono mantenere la qualità e l’esperienza utente ai massimi livelli, aggiornano regolarmente i propri algoritmi. Questi aggiornamenti sono per lo più personalizzati per soddisfare le esigenze delle persone.

8. La compatibilità con i dispositivi mobili è fondamentale

Poiché sempre più persone utilizzano dispositivi mobili per accedere a Internet, gli algoritmi dei motori di ricerca devono adattarsi a questi modelli di utilizzo. Tuttavia, è più importante che mai ottimizzare i tuoi contenuti per i dispositivi mobili, poiché Google ha implementato l’indicizzazione mobile-first nel 2019.

Ciò significa che il motore di ricerca guarda principalmente alla versione mobile di un sito web quando classifica i contenuti, poiché questa è considerata la versione “primaria” invece della versione desktop di un sito Web.

9. Page experience ranking per desktop

Ciò significa che le stesse tre metriche Core Web Vitals: LCP, FID e CLS verranno applicate per il ranking desktop. I Core Web Vitals sono un insieme di metriche reali e centrate sull’utente che quantificano gli aspetti chiave dell’esperienza dell’utente.

10. Link Building (etico)

Una delle tecniche SEO classiche era lo scambio o l’acquisto di link tra proprietari di siti Web. Google ora penalizza strategie come scambio di link reciproci, link a pagamento, guest posting su larga scala.

Nel 2022 devi ripensare la tua strategia di link building, concentrando i tuoi sforzi sulla creazione di contenuti di qualità.

Fai favori e lavori senza essere pagato, chiedi un link in cambio. Una buona alternativa per guadagnare un backlink può essere un lavoro gratis sul sito di un cliente. Lavorare gratuitamente per un cliente può farti guadagnare backlink invece di soldi.

11. Scrivi per le persone, non per motori di ricerca!?

Hmm…sono in tanti che dicono che devi scrivere per motori di ricerca, altrimenti non avrai un buon posizionamento. Altri dicono il contrario. Secondo me devi avere un equilibrio, devi scrivere per tutti 2: motori di ricerca e utenti.

Per prima cosa, verifica la SERP, vedi che cosa Google pensa di essere rilevante e di qualità per una certa espressione e scrivi qualcosa di meglio.

Qualunque sia il tipo contenuto che scrivi, assicurati di sapere il suo scopo prima ancora di cominciare. Perché scrivi quel testo? Per chi? Qual e il suo scopo?

12. Featured Snippets

Uno snippet in primo piano è essenzialmente un riepilogo di una risposta a una query di ricerca, fornisce risposte rapide e concise. Viene visualizzato su Google, proprio nella parte superiore del risultato SERP, sopra anche gli annunci a pagamento.

Uno snippet in primo piano

Per avere questo tipo di risultato, devi puntare a query di ricerca basate su domande e parole chiave pertinenti e adatte alla tua strategia di marketing.

Sono un consulente SEO

Chi Sono

Mi chiamo Luciano e lavoro come consulente SEO a Milano.

Aiuto le aziende ad aumentare i lead da Google attraverso la SEO.

La Search Engine Optimization è l’attività che qualsiasi imprenditore d’Italia deve considerare per avere il successo online desiderato.

Leggi anche:

L

VUOI PIÙ TRAFFICO ORGANICO?

Il posizionamento del sito Web su Google è importante per la tua attività?

L

Opzione 1: Website Audit

Un SEO audit è un rapporto dettagliato che delinea lo stato attuale di un sito web per quanto riguarda la SEO.

L

Opzione 2: Consulenza

Un servizio di consulenza SEO è una grande opportunità per portare il tuo sito web sulla strada giusta.