Come essere primi su Google

Set 17, 2021 | Guida SEO

In qualità di specialista SEO, conosci l’importanza di essere primi su Google. Ma quali sono le tue opzioni per essere quel primo risultato tra tutti risultati per una precisa query di ricerca?

Per essere in cima alle classifiche delle SERP, con tanti cambiamenti e update dei motori di ricerca, non bastano più le pagine riempite con le parole chiave target.

Come per tutte le cose digitali, sembra che l’algoritmo di Google cambi regolarmente. Quindi è importante conoscere i cambiamenti più recenti per essere in grado di competere per le classifiche dei motori di ricerca e per raggiungere i primi risultati. Leggi questa guida e scopri come fare SEO e migliorare il ranking del tuo sito web.

Detto questo, più spesso riesci a posizionare il tuo sito sulla prima pagina di Google, più è probabile che le persone trovino il tuo sito Web e acquistino i tuoi prodotti/servizi. Di seguito sono riportati alcuni suggerimenti che possono aiutarti a diventare il risultato numero uno su Google.

Perché la prima pagina di Google è importante

Google è uno dei siti più visitati al mondo ed è difficile sostenere che non abbia un impatto sulle nostre vite. Dalle classifiche organiche nelle SERP alla pubblicità, Google ha una presenza significativa nella nostra vita quotidiana.

La prima pagina di Google può avere un enorme impatto sulla tua attività, quindi è importante ottimizzare il tuo sito con ottimi contenuti in modo che tu possa essere trovato in cima.

Sapevi che ci sono differenze significative nelle percentuali di clic tra i risultati migliori e quelli più bassi nelle SERP? Uno studio mostra le seguenti percentuali di clic in base alla tua posizione su Google:

  1. Primo risultato: percentuale di clic del 36,4%
  2. Secondo risultato: percentuale di clic del 12,5%
  3. Terzo risultato: percentuale di clic del 9,5%

Il CTR continua a diminuire, fino al 2,2% per il decimo risultato (di solito ci sono 10 risultati organici per pagina, ancora meno ora con risultati locali, annunci, caselle di risposta e altre nuove funzionalità). Se non sei in cima ai risultati di ricerca di Google, stai perdendo molti clic.

La prima pagina dei risultati di ricerca di Google contiene le informazioni più pertinenti e autorevoli che un utente può trovare su un argomento specifico. Se qualcuno è interessato a saperne di più su un determinato prodotto, è qui che dovrebbe iniziare la sua ricerca: sulla prima pagina di Ricerca Google!

Come ottenere maggiore visibilità su Google: PPC, mappe o risultati organici

Essere primo su Google non è facile, ma ne vale la pena.Ci sono molte strategie che le persone usano per essere in cima al motore di ricerca oggi. Puoi utilizzare SEO, la pubblicità di Google o Google My Business.

È importante sapere cosa cercano le persone e come digitano la loro query prima di creare contenuti. Questo ti aiuterà a migliorare il tuo posizionamento e la tua visibilità nel noto motore di ricerca.

Google Ads – è un potente strumento che ti consente di entrare in contatto con una vasta gamma di clienti e di essere nella 1 posizione di Google. È una piattaforma in cui inserzionisti, agenzie e professionisti del marketing possono passare al digitale e monitorare le proprie prestazioni.

In pochi clic, i proprietari di siti web possono raggiungere il loro pubblico di destinazione con l’aiuto di Google Ads. Ma tutto questo ha un costo. Bisogna essere tra i primi risultati su Google per ottenere i massimi benefici di una campagna pubblicitaria.

Google My Business – Sono casi in cui, le ricerche non generano risultati a pagamento o le persone preferiscono di non fare clic su un annuncio. In questo caso, se sei un’azienda locale, avere una pagina GMB può essere una scelta intelligente. Sappiamo tutti che nella maggior parte dei casi questo tipo di risultato appare nella parte superiore dei risultati di ricerca.

Risultati organici – Sempre più aziende si stanno rivolgendo all’ottimizzazione per i motori di ricerca, o SEO, quando si tratta di posizionamento su Google. Un modo in cui le aziende possono raggiungere il 1 posto su Google è creare contenuti specificamente mirati al loro mercato locale.

Cosa fare per essere #1 su Google?

Google è il motore di ricerca più importante al mondo e uno dei motori di ricerca più impegnativi su cui posizionarsi in modo organico. Il motivo principale di ciò è perché Google aggiorna il proprio algoritmo molto spesso. Se vuoi essere 1 su Google, dovresti assicurarti che il tuo sito web rispetta le regole del motore di ricerca.

Per ottenere il primo posto su Google, dovresti concentrarti sulla creazione di contenuti di alta qualità che offrano valore al tuo pubblico.

Secondo me, 3 sono le cose su cui devi concentrarti: contenuti, SEO on page e backlinks.

Se non sei sulla prima pagina di Google, potrebbe essere il momento per te di indagare quali sono le migliori pratiche che possono aiutarti ad arrivarci. Se il tuo sito web ha difficoltà a posizionarsi su Google, potrebbe essere il momento di contattare un professionista SEO (Search Engine Optimization) che aiuterà il tuo sito web ad aumentare le sue classifiche nel tempo.

Gioca secondo le regole del motore di ricerca

Le linee guida per i webmaster di Google documentano chiaramente le pratiche approvate da Google per consentire di trovare, indicizzare e posizionare il tuo sito Web. Configurare il tuo sito web per soddisfare i requisiti di Google è essenziale per ottenere buoni risultati e per essere posizionato più in alto.

Dovresti chiederti:

  • Come ottenere il numero 1 nei risultati organici?
  • Posso ottenere un rich snippet?
  • Come ottenere il numero 1 nei risultati a pagamento?
  • Come ottenere la prima posizione nelle notizie di Google?
  • Posso essere il numero 1 nei risultati di Google Maps?
  • Come ottenere il primo risultato nei risultati video di Google?

Per avere queste risposte, devi capire come funziona Google e perché mette sulla prima posizione un URL e non un altro. Non e facile.

Per questo motivo è essenziale studiare e leggere. Invece di acquistare link o cercare di “truffare” Google con pratiche Black Hat, perché non aggiungere contenuti unici e di alta qualità e rendere il tuo sito “migliore”? Col tempo le classifiche arrivano, ma solo con buoni contenuti.

Ecco come essere primi su Google

L’algoritmo di ranking di Google è uno degli algoritmi più complessi. Esegue la scansione dei siti Web per determinare quanto sia rilevante un sito Web per una determinata query, tenendo conto del loro contenuto di alcuni fattori. Per essere i primi su Google, è utile avere un sito web di alta qualità con contenuti accattivanti e backlink di alta qualità.

Quindi su quali fattori di ranking dovresti concentrarti per migliorare il tuo posizionamento?

1) Awesomeness

Alla domanda “Qual è il fattore principale per posizionare un sito Web nei primi risultati di ricerca su una particolare frase?“, John Mueller di Google, a risposto che dovresti concentrarti su “awesomeness”(grandiosità).

Awesomeness

Dobbiamo ammettere che è una risposta un po’ ambigua. Quello che sappiamo è che Google continuerà a aggiustare i fattori di ranking per soddisfare al meglio le esigenze dei utenti.

2) Pubblica contenuti di alta qualità

“Awesomeness” può essere interpretato anche in questo modo, pubblicare contenuti di alta qualità sul tuo sito Web. Se i tuoi contenuti sono ben studiati, è più probabile che tu sia classificato in alto su Google. Il contenuto di alta qualità si riferisce alla creazione di pagine che aumentano il tempo che un utente trascorre sulla pagina e forniscono informazioni utili.

Ecco uno screenshot da Guida introduttiva all’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) di Google

contenuti di alta qualità guida google

Per fare ciò è necessario e comprendere l’intento dell’utente e eseguire una ricerca di parola chiave. Conoscere l’intento di ricerca degli utenti è essenziale per creare pagine che indirizzano il traffico organico.

RankBrain è un sistema di apprendimento automatico che aiuta Google a capire l’intento di una query di ricerca ed è uno dei principali strumenti che il motore di ricerca utilizza per decidere come classificare le pagine web nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca.

Attraverso l’analisi dei numeri a tua disposizione o dei siti web dei tuoi competitors puoi scoprire parole chiave che hanno un volume di ricerca medio ma un’elevata percentuale di clic. Pensa a sinonimi, parole chiave a coda lunga e parole chiave correlate all’argomento o argomenti simili. Puoi approfondire la tua ricerca intorno a queste espressioni per creare nuovi contenuti.

3) L’indicizzazione mobile-first

All’inizio, Google ha utilizzato soprattutto la versione desktop dei contenuti di una pagina per la valutazione della sua pertinenza rispetto alla query di un utente. Adesso, le cose sono cambiate. Google indicizza e classifica i contenuti che provengono dalla versione mobile del tuo sito.

L’indicizzazione mobile-first è un cambiamento importante nell’algoritmo di Google, diventato gradualmente uno dei segnali di ranking più importanti per i siti web. Il suo impatto è principalmente sentito dai siti Web che non sono responsive o mobile friendly e hanno un’esperienza utente di bassa qualità (velocità di caricamento, struttura site-ului Web, https, pubblicità invasiva, etc.).

4) Ottimizzazione SEO On-Page

Avere un contenuto di qualità non basta. Hai bisogno di ottimizzare le tue pagine perché la SEO on-page ha ancora un impatto significativo sulla visibilità del tuo sito Web e sulla sua posizione nelle SERP di Google.

La SEO on-page riguarda l’utilizzo delle migliori pratiche per scrivere contenuti mirati al suo pubblico in modo che i motori di ricerca li classifichino più in alto e si riferisce all’ottimizzazione di tutti gli elementi presenti in una pagina del nostro sito per migliorare il suo posizionamento sui motori di ricerca.

Generalmente si tratta di metadati, dati strutturati, link interni, etc.

5) Backlinks

I link continueranno ad essere uno dei principali componenti SEO se vuoi posizionarti bene su Google. Il link building è il processo di acquisizione di collegamenti ipertestuali da altri siti Web al proprio sito Web per aiutarlo a posizionarsi più in alto nei risultati di ricerca di Google.

La creazione di backlink, specialmente quando viene eseguita attraverso pratiche non etiche, è un affare rischioso e può portare a conseguenze negative. Un modo per ottenere più backlink di qualità è generare contenuti utili che possono essere condivisi tramite social media o citati da altri siti Web.

6) Vuoi avere un posizionamento elevato su Google?

La SEO è una parte importante di qualsiasi campagna di marketing digitale. Per raggiungere al meglio i propri obiettivi, le aziende devono impegnarsi per ottimizzare i propri siti Web per i motori di ricerca. Un consulente SEO è necessario quando vuoi ottenere un posizionamento più elevato su Google o migliorare la visibilità del tuo sito Web.

Conclusione

Google rimane il motore di ricerca più popolare e la domanda “come posizionarsi primi su Google”e ancora attuale. Un posizionamento più alto in Google significa ottenere più traffico, raggiungere un pubblico più ampio e guadagnare di più. Per questo motivo, la concorrenza è molto grande.

Spero che questo articolo ti abbia fornito alcuni spunti interessanti su come funziona Google e sul motivo per cui è importante che il tuo sito web abbia un buon posizionamento.

Sono un consulente SEO

Chi Sono

Mi chiamo Luciano e lavoro come consulente SEO a Milano.

Aiuto le aziende ad aumentare i lead da Google attraverso la SEO.

La Search Engine Optimization è l’attività che qualsiasi imprenditore d’Italia deve considerare per avere il successo online desiderato.

Leggi anche:

L

VUOI PIÙ TRAFFICO ORGANICO?

Il posizionamento del sito Web su Google è importante per la tua attività?

L

Opzione 1: Website Audit

Un SEO audit è un rapporto dettagliato che delinea lo stato attuale di un sito web per quanto riguarda la SEO.

L

Opzione 2: Consulenza

Un servizio di consulenza SEO è una grande opportunità per portare il tuo sito web sulla strada giusta.