Consulente SEOSEO Copywriting: che cos’e e come “scrivere SEO”

SEO Copywriting: che cos’e e come “scrivere SEO”

Mar 14, 2021 | Guida SEO

Come scrivere un articolo per un blog da una prospettiva SEO? Il copywriting SEO riguarda la creazione di contenuti utili e di valore per un utente. Non si tratta solo di parole chiave.

Google è diventato più intelligente nel tempo e le cose sono cambiate molto. Ora, il contenuto che scrivi e metti online deve essere di alta qualità, utile e deve rispondere alle domande degli utenti.

Solo in questo modo puoi avere un buon posizionamento nei risultati di ricerca di Google. I contenuti, insieme a un’efficiente strategia di marketing SEO, possono fare la differenza.

Cosa significa fare SEO copywriting

Il SEO copywriting è un elemento chiave in qualsiasi strategia SEO, motivo per cui dovresti scrivere un testo originale, chiaro e preciso in modo che il tuo pubblico capisca il messaggio.

La SEO è il modo per aiutare un sito web ad apparire il più in alto possibile nella pagina con i risultati dei motori di ricerca (noto anche come SERP).

Ci sono una serie di fattori che influenzano questo aspetto. Tuttavia, la scrittura SEO implica anche la ricerca di parole chiave e frasi che il tuo pubblico di destinazione utilizzerebbe per trovare alcuni contenuti sul Web.

Guida SEO copywriting

Convincere i lettori a leggere effettivamente l’articolo è una forma di SEO copywriting e se non lo fai bene, perdi potenziali promotori dell’articolo, lead e persino clienti paganti.

a) Scrivi introduzioni convincenti

L’introduzione è estremamente importante.

  • Mantieni la tua prima frase breve;
  • Non ripetere il titolo;
  • Utilizza la parola chiave principale della pagina nel contenuto;
  • Dedica una o due frasi per spiegare di cosa tratta l’articolo;
  • Fai riferimento a una preoccupazione o problema che potrebbero avere i tuoi lettori e tu puoi risolverlo;

Cerca di attirare l’attenzione dell’utente dall’inizio. È la migliore tattica.

b) La ricerca della tua nicchia: trends, keywords, espressioni e domande correlate

Abbiamo visto come scrivere un’introduzione, vediamo di cosa dovresti scrivere. Oltre a saper scrivere, la cosa più importante è sapere cosa scrivere. Scrivere solo per il gusto di pubblicare qualcosa sul tuo sito con una certa frequenza, secondo me non ha senso.

A seconda della nicchia in cui ti trovi, prima di tutto dovresti fare una ricerca approfondita sulle tendenze attuali, le espressioni e il gergo utilizzato, le notizie nel campo, ecc.

Per fare questo, hai molti strumenti gratuiti e a pagamento. Uno di questi è google suggest, di cui ho scritto qualche riga qualche tempo fa. Tutto quello che devi fare è prenderti un po ‘di tempo per vedere cosa cercano le persone online. Devi scrivere un materiale che risponda ad alcuni dei loro problemi.

c) Studia la SERP e cerca a capire “cosa” e “perché”

Ora che abbiamo scoperto di cosa scriveremo, dobbiamo controllare i risultati sulla pagina di Google, per capire che tipo di contenuto dobbiamo produrre.

È un articolo, una pagina di servizio, un prodotto, un elenco? Ad esempio, è quasi inutile produrre una pagina di servizio, se tutti i risultati di ricerca su una determinata cosa sono guide (articoli). La tattica migliore sarebbe produrre una guida completa, migliore di quelle della prima pagina.

d) Scrivi contenuti originali

Come sappiamo, Google promuove il testo originale. Crea i tuoi contenuti utilizzando il tuo testo, senza copiare il contenuto di altri siti. Studia l’argomento di cui vuoi scrivere finché non puoi formarti un’opinione personale. Quando hai un’opinione personale, il tuo punto di vista, scrivi.

e) Ottimizza la pagina meglio dei tuoi competitori

Dopo aver scritto il contenuto, inizia la ricerca, confrontando i testi che compaiono nei primi risultati, in modo che tu possa capire cosa hanno loro e cosa non hai tu. O quello che puoi creare, con una qualità superiore. Se hai conoscenze SEO, prova a capire come la pagina è ottimizzata dal punto di vista SEO: URL, meta titolo, meta description, H1, media, etc. Migliora la leggibilità del tuo testo.

Quanto dev’essere lungo un contenuto in ottica SEO?

Secondo diversi studi condotti negli ultimi anni, i contenuti più lunghi sembrano avere un posizionamento più alto rispetto ai contenuti più brevi. Backlinko ha condotto uno studio per identificare i fattori di ranking correlati ai risultati di ricerca che si collocano nella prima pagina.

Uno dei loro è stato che i contenuti più lunghi si posizionavano più in alto nei risultati di ricerca. Secondo tanti, me incluso, il numero di parole non ha importanza. Se scrivi un articolo di 3000 parole, 1000 parole o 500 parole. Importante e il valore che il tuo testo ha per il tuo pubblico.

Nel tempo, Google inizierà a identificare il sito come una fonte attendibile e questo porterà sempre a un posizionamento più elevato nei risultati di ricerca per le tue parole chiave.

Perché è importante il copywriting?

Il copywriting SEO rende il tuo sito web più affidabile e professionale. La qualità dei contenuti attira il pubblico giusto e aggiunge autorità alla tua attività. Il SEO copywriting offre alla tua azienda l’opportunità non solo di essere facilmente reperibile su Internet, ma anche di coinvolgere e informare i tuoi lettori. Secondo me, il copywriting SEO combina due cose: SEO e copywriting.

Anche se hai un team interno che scrive testi, la SEO è un settore specifico che richiede conoscenze, tempo e attenzione. Questo è il motivo per cui è così importante cercare l’aiuto di un professionista SEO.

Come scrivere un articolo per un blog

Ci sono molti tutorial che possono insegnarti come scrivere un post sul blog. Possono istruirti sui meccanismi del blogging, cosa fare e cosa non fare. Ma se vuoi sapere come scrivere un post sul tuo blog che si posiziona bene nei motori di ricerca, hai bisogno di qualcosa di più di un semplice tutorial. come scrivere un articolo per un blog

Step 1: Identifica il tuo pubblico

Identificare il pubblico di destinazione non è così difficile come sembra. Chi vuoi leggere il tuo articolo? Questa è la domanda. In poche parole, il pubblico di destinazione del tuo blog è il gruppo di lettori per i quali il tuo post può essere utile.

Sono le persone che trovano il maggior valore nei tuoi articoli. Quando sai chi è il tuo pubblico di destinazione, non solo vedrai un flusso costante di traffico verso il tuo blog, ma scoprirai anche che condividono i tuoi contenuti più frequentemente. Puoi trovare un pubblico interessato su siti web come Quora, forum di nicchia, Facebook, LinkedIn.

Quando hai raccolto abbastanza informazioni su dove si trova il tuo pubblico di destinazione è il momento di creare la tua “buyer persona”. La buyer persona è la rappresentazione di un acquirente-tipo di un certo prodotto o servizio.

Step 2: Pianifica il tuo post sul blog scegliendo un argomento

La selezione degli argomenti sembra essere una delle parti più difficili della creazione di un blog di successo. Avere una strategia è ciò che separa i blog buoni da quelli veramente di successo. Tutto dipende dal tuo pubblico. In effetti, non c’è niente di più importante per il successo del blog che conoscere il tuo pubblico. Se conosci i tuoi lettori, saprai di cosa scrivere.

Step 3: Scrivi il tuo post gradualmente

Se hai identificato il tuo pubblico e il tuo argomento, è ora di iniziare a scrivere. Personalmente inizio scrivendo diverse varianti del titolo, dopodiché cerco di scrivere i sottotitoli. In questo modo riesco a dividere l’articolo in più parti, riuscendo a concentrarmi meglio per ogni parte.

Step 4: Ottimizza il testo dal punto di vista SEO

Una delle maggiori sfide che i blogger devono affrontare è scrivere contenuti ottimizzati per i motori di ricerca, ma che piaceranno anche alle persone reale. L’idea è che devi scrivere per le persone, non per i motori di ricerca.

Contenuto e SEO si completano a vicenda. Le persone utilizzano i motori di ricerca per trovare risposte o soluzioni alle loro domande e i motori di ricerca offrono i contenuti più pertinenti. In poche parole, il contenuto è la base per il successo SEO. Contenuti originali e di alta qualità sono la base per tutte le tue strategie di marketing e SEO.

Come scrivere testi SEO friendly

Se hai iniziato a cercare su Google “come scrivere testi SEO” significa che sei interessato all’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO).

La scrittura SEO riguarda la creazione di contenuti di valore per un utente, non si tratta solo di keywords butate nel corpo del testo.Il testo che scrivi sul tuo sito Web deve essere di alta qualità, utile e deve rispondere alle domande (le ricerche online) degli utenti. Solo in questo modo puoi sperare di avere un buon posizionamento nelle SERP di Google.

Non è un segreto che la SEO e contenuti non possono esistere l’uno senza l’altro. Senza SEO i tuoi contenuti potrebbero perdersi nei risultati di ricerca. Allo stesso modo, il posizionamento in prima pagina non ti porta nulla se è scadente. Dopo che un utente arriva sul tuo sito, va via subito se il contenuto non risponde alle sue domande.

Ecco 6 suggerimenti su come scrivere testi e migliorare allo stesso tempo i tuoi sforzi SEO:

  1. Decidi cosa vuoi scrivere
  2. Decidi per chi vuoi scrivere
  3. Studia le SERP
  4. Inizia con l’indice dell articolo
  5. Stai attento alla formattazione del testo
  6. Scrivi per le persone non per motori di ricerca

Come ottimizzare un testo dal punto di vista SEO? Con la SEO on-page, ovviamente. Questa attività si riferisce all’ottimizzazione di tutti gli elementi presenti in una pagina del nostro sito per migliorarne il posizionamento sui motori di ricerca.

Testi SEO friendly o Search Engine friendly? Dovremmo scrivere contenuti per persone o per motori di ricerca? Per utenti, ovvio. Gli creatori di contenuti digitali si preoccupano troppo di “scrivere testi SEO”, concentrandosi erroneamente sulla scrittura per i motori di ricerca invece che sugli esseri umani che stanno effettivamente leggendo il contenuto.

Molto spesso troviamo testi che non hanno nessun senso per gli utenti. Troviamo testi che contengono frasi prive di significato, nella speranza che Google le posizioni meglio solo perché la parola chiave viene scritta 100 volte.

Questa tattica potrebbe aver funzionato 20 anni fa. Google è diventato molto più “intelligente”, ha algoritmi di ricerca in continua evoluzione e altamente sofisticati che migliorano ogni giorno con l’unico scopo di fornire risultati migliori.

Ma cosa considera Google un contenuto buono e di alta qualità, in modo da posizionarlo più in alto nei motori di ricerca? Google suggerisce di rivedere le sue linee guida.

Se sei preoccupato per la lunghezza del contenuto e la densità delle parole chiave, allora stai scrivendo per motori di ricerca. Creare contenuti per umani è il modo più efficace per classificare i contenuti più in alto nei risultati di ricerca. Certo, solo scrivere non basta, ma è un inizio buono.

Una delle sfide più grandi è scrivere contenuti ottimizzati per i motori di ricerca, ma che soddisfino l’intento di ricerca delle persone.

Quando si tratta di contenuti per il tuo sito web, avere un piano editoriale e essenziale. Viene creato prima della stesura di qualsiasi contenuto e stabilisce cosa sarà scritto.

Cos’è un piano editoriale?

Detto molto semplice, un piano editoriale è una road map per la pubblicazione di contenuti, che descrive in dettaglio come e cosa va pubblicato in futuro a intervalli diversi, ad esempio mensile, trimestrale o annuale.

Un piano editoriale è un documento che delinea il contenuto che deve essere creato per un sito Web o un blog. Include gli argomenti da trattare, il tono e lo stile di scrittura e qualsiasi altro dettaglio su come creare il contenuto.

Che obiettivo ha un piano editoriale? L’obiettivo principale di un piano editoriale è garantire che la pubblicazione abbia contenuti di qualità sufficienti per invogliare i lettori a tornare e mantenerli coinvolti con il marchio.

Esempio di piano editoriale per un sito Web

In teoria, il piano deve rispondere a queste domande: Chi scrive, cosa scrive, chi e il pubblico target, cosa vogliamo ottenere, quando viene pubblicato.

Autore Argomento Titolo provvisorio Mese Note
Andreea SEO Cosa significa SEO 01
Marco Internet Che cosa significa https 02
Tony Marketing Cos’è un piano editoriale? 03

 

In più, creando anche un Calendario Editoriale, possiamo avere sotto controllo la data esatta di pubblicazione, sapendo in anticipo e nel dettaglio quali argomenti scrivere.

 

Titolo Sottotitoli URL Data Live Autore
Piano editoriale social 1. Intro  /piano-editoriale-social/ 12.02.2022 Si Marco
2. Cosa vuol dire piano editoriale
3. Come scrivere un piano editoriale
4. Come fare piano editoriale instagram
5. Come fare un piano editoriale facebook
6. Piano editoriale social: esempio pratico
7. Tools da usare
8. Conclusione

Come creare un piano editoriale

Come ho detto prima, il piano editoriale stabilisce che tipo di contenuto verrà pubblicato. Può essere semplice come un elenco di titoli e argomenti per un numero di settimane, oppure può essere dettagliato come uno schema di tutti i contenuti pianificati per un anno intero.

1. Analisi SWOT

Quando si crea un piano editoriale per un sito web, e importante partire dall’analisi SWOT per avere ben chiaro dove sei e dove vuoi arrivare. Un’analisi SWOT è una tecnica utilizzata per identificare i punti di forza e di debolezza, opportunità e minacce.

Punti di Forza Le debolezze
Copywriter eccellenti Posizionamento su Google
Spirito organizzativo Fondi per marketing
Le opportunità Le minacce
SEO Un nuovo competitor
Nuove idee per gli articoli Articoli migliori

 

2. Chi e il tuo target

Chi vuoi raggiungere con i tuoi contenuti? Quali sono i tuoi obiettivi? Per sapere cosa cercano le persone su Internet puoi usare una serie di strumenti SEO come aHrefs, Semrush, SEOZoom, Ubersuggest, Answer The Public, Google Trends e tante altre.

La buyer persona è la rappresentazione di un acquirente-tipo (immaginario) di un certo prodotto o servizio. Una volta che sei in grado di dare un “volto” al tuo lettore ideale, è più facile soddisfare le sue esigenze.

3. Analisi dei concorrenti

L’analisi dei tuoi competitor può darti rapidamente tante idee per la tua strategia online. Devi sapere cosa stanno facendo i tuoi concorrenti per augmentare la loro presenza online in modo da poter migliorare la tua strategia di marketing digitale. Semplice.

4. Calendario editoriale

Per avere tutto sotto controllo nei minimi dettagli, crea anche un calendario editoriale. Un calendario editoriale è uno strumento che aiuta le persone a gestire e pianificare i contenuti per un sito Web o una pubblicazione.

È una parte importante della strategia di marketing dei contenuti per qualsiasi azienda che cerca di stabilire una forte presenza online.

Il calendario editoriale dovrebbe includere tutte le informazioni necessarie, come scadenze, argomenti e autori. Include anche il tipo di contenuto che verrà pubblicato in quale giorno/ora della settimana.

Sono un consulente SEO

Vuoi classificare il tuo sito Web più in alto su Google?

Mi chiamo Luciano (i miei amici mi chiamano Sobi) e sono un Consulente SEO Freelance a Milano.

Aiuto le aziende ad aumentare i lead da Google attraverso servizi SEO.

Dopo avermi spiegato quali sono i tuoi obiettivi, ti farò un preventivo SEO + la strategia che applicheremo per raggiungerli.

Mettiti alla prova con questo Quiz SEO

SEO: Domande e Risposte

Il gruppo “SEO: Domande e Risposte” è aperto a tutte le persone che hanno domande sull’argomento.

Unisciti a questo gruppo!

Leggi anche:

Guida SEO
L

VUOI PIÙ TRAFFICO?

Il ranking del sito Web su Google è importante per la tua attività?

L

Opzione 1: Analisi SEO

Un analisi SEO di un sito Web è un rapporto dettagliato che delinea lo stato attuale di un progetto.
L

Opzione 2: Consulenza

Un servizio di consulenza SEO è una grande opportunità per portare il tuo sito web sulla strada giusta.